Siete pronti a incontrare il vostro Creatore?

Se avete risposto sì, allora potreste essere uno di pochi eletti. La facilità e la comodità della vita moderna ci hanno reso difficile parlare, e ancor meno affrontare, la inevitabilità della morte. Chi è mai riuscito a sfuggire alla Mietitrice? Al massimo si può ritardare. La morte è, dopo tutto, l'unica regola che vincola ogni essere vivente sulla Terra. 

Ma se ci fosse un modo per eliminare l'ansia di lasciare i propri cari? E se si potesse sconfiggere completamente la paura della morte? 

Secondo la scienza, ci sono due possibili casi in cui l'ansia e la paura di morire possono essere ridotte drasticamente. (1) Esperienze di pre-morte (NDE)in cui si ha la chiara sensazione o la consapevolezza di essere morti e di entrare in un mondo di morte. "tunnel di luce". (2) inciampare con forti dosi di sostanze psichedeliche, come ad esempio psilocibina, il principio attivo dei funghi e dei tartufi magici. 

Pur essendo molto diversi, l'unica cosa che hanno in comune le NDE e i trip è la loro travolgente intensità. La strana somiglianza tra i due non era mai stata studiata fino ad oggi. 

Gli psichedelici funzionano come le esperienze di pre-morte nel ridurre la paura della morte

Un nuovo studio della Johns Hopkins, pubblicato sulla rivista PLOS ONEha confrontato le esperienze di pre-morte e gli psichedelici in base alla loro capacità di ridurre l'ansia di morire. Il team ha intervistato online 3.192 persone che hanno cambiato le loro convinzioni sulla morte. Sia dopo l'assunzione di dosi massicce di psilocibina, LSD, ayahuasca o DMT (alias "Esperienza psichedelica"), o dopo aver vissuto un'esperienza extracorporea o di pre-morte (anche nota come "esperienze non farmacologiche").

I risultati sono stati sorprendenti. I dati potrebbero essere una prova concreta del perché terapia del dialogo basata sugli psichedelici ha funzionato così bene nel ridurre l'ansia e l'angoscia di fine vita. 

Il dottor Roland Griffiths e il suo team hanno scoperto che gli psichedelici funzionano come le esperienze di pre-morte (NDE) nel ridurre la paura della morte. (Immagine tratta da Health Policy Politics su YouTube; Creative Commons)

Come scrivono gli autori:

"[Entrambi] i gruppi erano notevolmente simili per quanto riguarda i cambiamenti di atteggiamento nei confronti della morte attribuiti all'esperienza, compresa una riduzione della paura della morte".

Dr. Roland Griffiths, professore di psichiatria e neuroscienze presso la Johns Hopkins University School of Medicine e autore principale dello studio, ha dichiarato in un intervista con Vice.com:

"Mi aspettavo che [i gruppi] avessero una certa sovrapposizione, ma che fossero molto più diversi di quanto non siano stati in questo sondaggio.

"C'è stata un'enorme sovrapposizione per quanto riguarda la fenomenologia - cioè le qualità dell'esperienza - così come le attribuzioni durature fatte a quell'esperienza, sia nelle esperienze di pre-morte o extracorporee o non drogate, sia in quelle psichedeliche".

Non credono più che la morte sia una partita finale

Cosa succede quando si evita per un pelo una morte certa? 

Per coloro che hanno vissuto esperienze di pre-morte, c'è la sensazione che la propria vita "che ti lampeggia davanti agli occhi in una frazione di secondo".. Un evento così intenso spesso porta a grandi trasformazioni della vita. Prendiamo ad esempio una brusca cambiamento di carrieraPer esempio, dal lavoro in un cubicolo senz'anima a un'attività eccitante basata sulla passione. Il desiderio di uscire allo scoperto come il sé più autenticoo un nuovo senso di scopo nella vostra vita. 

I pazienti oncologici terminali a cui è stata somministrata la psilocibina dopo la diagnosi sono riusciti a ridurre la paura e l'ansia di morire. (Foto di Dan Meyers su Unsplash)

Griffiths, uno dei maggiori esperti mondiali di psilocibina come medicina, ha letto degli effetti che cambiano la vita delle esperienze di pre-morte. Ben presto, il neuroscienziato è rimasto colpito da quanto le NDE funzionino in modo simile a una dose completa di funghetti e tartufi magici. Questo legame potrebbe essere confermato nel mondo reale? Si è seduto per sviluppare l'esperimento comparativo:

"Molto spesso le persone se ne vanno con la sensazione cambiata che c'è qualcosa che continua dopo la morte del corpo.." Griffiths ha detto Vice.com sugli effetti di riduzione della paura della psilocibina. "Le persone sentono che emerge una qualità benevola e non credono più che la morte sia un punto di arrivo".

La psilocibina ha dimostrato di essere efficace nei pazienti oncologici riducendo l'ansia di morte che spesso si prova dopo una diagnosi di questo tipo. Griffiths aveva svolto un lavoro simile in passato, che si è rivelato utile quando ha confrontato gli psichedelici con le esperienze di pre-morte.

"Abbiamo lavorato con la psilocibina su pazienti affetti da cancro, depressi o ansiosi a causa di una diagnosi di cancro potenzialmente letale, e abbiamo riscontrato più o meno la stessa cosa. 

"Le persone hanno vissuto queste esperienze e hanno avuto una netta diminuzione della depressione e dell'ansia, ma anche della paura della morte".

L'esperienza più significativa della loro vita".

Dei 3.192 intervistati in totale, 2.259 sono stati classificati come esperienze psichedeliche e 933 erano esperienze non farmacologiche (ad esempio esperienze di pre-morte ed eventi extracorporei). Nel primo gruppo, LSD è stato il farmaco più comune con il 40 per cento (904 intervistati). Seguito da funghi psilocibini con una chiusura del 34 per cento (766 intervistati). Allora DMT in forma di fumo/vapore diversi dall'ayahuasca al 14%. (307 intervistati). E infine, il tradizionale ayahuasca al 12 per cento (282 intervistati)

La psilocibina, l'ingrediente attivo dei funghi e dei tartufi magici, è stata ritenuta da una grande fetta di intervistati la chiave per sconfiggere la paura della morte. (Foto via Wholecelium)

Nel secondo gruppo, composto da coloro che avevano esperienze non farmacologichecirca la metà degli intervistati ha scritto di aver avuto una esperienza di pre-morte. L'altra metà ha riferito di aver avuto un esperienza extracorporea. Questi possono essere altrettanto trasformativi, ma senza mettere in pericolo la loro vita.

Meno ansia per la morte

Sia il psichedelico- e esperienza non farmacologica gruppi si sentivano meno ansiosi riguardo alla morte dopo aver vissuto i rispettivi eventi. Tuttavia, vi erano ancora alcune differenze fondamentali. Per esempio, coloro che hanno avuto un'esperienza extracorporea o di pre-morte hanno avuto maggiori probabilità rispetto a quelli del gruppo degli psichedelici di "giudicano le loro esperienze come le più significative della loro vita".

D'altra parte, quelli del gruppo psichedelico presentavano tratti sottili. Questi dipendevano dal set e impostazione dell'esperienza farmacologica. 

Griffiths ha spiegato a Vice.com su come i viaggi con l'ayahuasca (cioè la varietà prodotta) oggi vengono assunti in un contesto diverso rispetto ad altri psichedelici popolari:

"Anche se controlliamo statisticamente le differenze demografiche, l'ayahuasca tende ad essere usata nelle cerimonie, nei gruppi e nelle feste.. Quindi, potrebbe esserci una maggiore inclinazione verso l'aspettativa di un qualche tipo di intuizione metafisica.

"Potrebbero esserci davvero delle differenze, ma credo che siamo ancora lontani dall'averle individuate".

Gli psichedelici come mezzo per indurre lo stupore

L'articolo completo della rivista descrive quanto le esperienze extracorporee e di pre-morte e i viaggi psichedelici abbiano in comune. In entrambi i gruppi si sono verificati incontri con entità ultraterrenecome ad esempio con un essere che si potrebbe definire "Dio". Un altro aspetto era il modo in cui gli intervistati vedevano la vita (e la morte) in modo molto diverso per il resto della loro vita. 

L'assunzione di funghi e tartufi magici può aiutare a provare un forte senso di stupore, che è stato collegato a una riduzione dei livelli di stress e ansia. (Foto di Jay su Unsplash)

Questi cambiamenti nella percezione sono collegati alla sensazione di stuporeche può essere indotta in vari modi. L'assunzione di forti dosi di psichedelici, come funghi e tartufi magici, è un modo semplice ed efficace per farlo. Avete mai notato come un viaggio ben preparato possa spesso ridurre rapidamente lo stress, la solitudine e la depressione? 

Tutto grazie allo stupore! 

Come lo stupore può migliorare la vostra vita

In un carta bianca per la UC Berkeley, Dr. Summer Allen descrive la soggezione come segue:

"Un'esperienza evoca un 'bisogno di accomodamento' quando viola la nostra normale comprensione del mondo. Quando uno stimolo supera in qualche modo le nostre aspettative, può provocare un tentativo di cambiare le strutture mentali che usiamo per comprendere il mondo. Questa necessità di riallineamento cognitivo è una parte essenziale dell'esperienza dello stupore...

"Le esperienze di stupore sono autotrascendenti. Spostano la nostra attenzione da se stesse, ci fanno sentire come se fossimo parte di qualcosa di più grande di noie ci rende più generosi verso gli altri".

Ecco alcuni modi in cui il senso di stupore può aiutare a sentirsi bene e ad alleviare lo stress:

  • Cambia il modo di percepire e percepire il tempo, facendo svanire le preoccupazioni banali.
  • Vi fa sentire più felici, genuinamente positivi e pazienti
  • Vi aiuterà a diventare più formicolanti, curiosi e creativi
  • Vi fa sentire connessi all'umanità nel suo complesso
  • Suscita il desiderio di "strisciare fuori" dei vostri problemi per aiutare gli altri

In poche parole, chi sperimenta regolarmente lo stupore ne trae beneficio nella vita quotidiana. In un carta per il Cognizione ed emozione rivista, Dacher Keltner e Jonathan Haidt ha detto questo a proposito dello stupore:

"Gli eventi che incutono timore possono essere uno dei metodi più rapidi e potenti per il cambiamento e la crescita personale".

La psilocibina come raro conforto

Infine, Griffiths ha condiviso i suoi sogni di Vice.com:

"Dal punto di vista terapeutico, spero che alla fine l'uso di questi composti per trattare l'ansia da fine vita venga approvato dal punto di vista medico. È una cosa enorme, perché, ovviamente, siamo tutti terminali.

"Ci saranno molti nella nostra cultura che si troveranno ad affrontare questa crisi esistenziale e potranno esserne molto angosciati, quindi è un'indicazione terapeutica estremamente applicabile".

Non criticare finché non lo provi. (Foto di Jr Korpa su Unsplash)

Griffiths e il suo team si augurano che le loro scoperte possano essere d'aiuto nel rinascimento psichedelico. Come esattamente, vi chiederete? Facendo entrare nel pubblico psichedelici come la psilocibina come medicina.

Ecco come funziona. Mentre gli scienziati fanno a gara per affrontare la crisi della salute mentale che ha milioni di persone colpiteL'unico modo per accelerare il processo è quello di convincere i legislatori che, sì, la terapia a base di psichedelici è un'ottima soluzione. fa lavoro. Il più recente studio sulla capacità degli psichedelici di confortare chi è in ansia per la morte ne è un esempio. Un'ulteriore prova che i benefici della psilocibina non sono un caso. 

Occhio di bue, si potrebbe anche dire!