Allora, siete pronti per la psichedelia. Avete la vostra dose accuratamente misurata di funghi magici o tartufi. State per esplorare il cosmo in technicolor della vostra mente.

Foto di Tengyart su Unsplash

Ma aspetta solo un minuto!

Ci sono due componenti molto importanti da considerare. Questi si chiamano Set e Setting. Vedete, un'esperienza psichedelica non è solo sulla psichedelia stessa. In realtà è un po' una situazione a tre. Il set, l'ambientazione e lo psichedelico che hai scelto hanno tutti bisogno di una certa attenzione. Non raccogliereste amorevolmente un raccolto di funghi freschi solo per prenderli quando siete di cattivo umore alla fermata dell'autobus, vero?

Set e ambientazione: Un concetto chiave

Potreste aver sperimentato il fenomeno di prendere la stessa dose di funghi in due diverse occasioni, ma avere un'esperienza completamente diversa ogni volta. Questo è molto probabilmente dovuto al diverso set e all'ambientazione di ogni momento. Mistero risolto!

È un concetto chiave e una conoscenza essenziale se vuoi diventare un esperto di funghi. Ne abbiamo già parlato quando abbiamo esposto come inciampare per la prima volta - ma come un principio chiave della tradizione psichedelica e delle migliori pratiche, merita certamente un'immersione profonda. 

Quindi, pronto, set (e ambientazione), VAI! 🏄

Cos'è SET?

'Set' riguarda il vostro mondo interiore. La tua mente-SET. I tuoi pensieri, i tuoi sentimenti, le tue esperienze di vita, la tua psicologia - tu li nomini - se fanno parte di ciò che ti rende tale, voi, allora fa parte del tuo set. 

Foto di Etty Fidele su Unsplash

Timothy Leary organizzato in due sottocategorie: immediato e a lungo raggio. Il 'lungo raggio' copre la tua personalità e le tue caratteristiche consolidate, mentre l''immediato' riguarda ciò che ti aspetti dal viaggio e come ti senti in questo momento. È una cosa complicata perché è qualcosa che entrambi può e non può controllo. 

Che cos'è il SETTING? 

Il 'Setting' è un po' più diretto. È letteralmente l'ambiente fisico in cui pensi di trovarti quando sei in trip. È se sei dentro o fuori, circondato da persone o da solo. Che tu sia nel tuo giardino o a un festival musicale, con uno sciamano o a guardare la TV - immagina che il tuo viaggio sia una commedia, e l'ambientazione sia il set teatrale. Cosa ti sta dicendo? Quali oggetti di scena ci sono? Questo è un aspetto del tuo viaggio che puoi modellare per ottenere il tipo di viaggio che vuoi. 

Foto di Krists Luhaers su Unsplash

Le origini di Set e Setting

Le origini del set e dell'ambientazione sono generalmente attribuite alla divisiva icona psichedelica Timothy Leary, il cui concetto è stato delineato in L'esperienza psichedelica: Un manuale basato sul libro tibetano dei morti (1964). Egli certamente coniato il termine che conosciamo e amiamo oggi. Tuttavia, i fondamenti del set e dell'ambientazione erano già stati esplorati più di un secolo fa dai bohémien di Club des Hashischins, un gruppo di intellettuali parigini d'élite che passarono dal 1844 al 1849 a immergersi nell'hashish e nei suoi effetti. Questo club includeva figure note come Victor Hugo, Alexandre Dumas, Charles Baudelaire, Gérard de Nerval, Honoré de Balzac e Jean Joseph Moreau - lo psichiatra che riforniva di hashish la nobile banda. 

Charles Baudelaire nel 1844 (forse alto, non sappiamo...) via Wikimedia Commons

Moreau ha notato che la stessa esatta dose di hashish potrebbe fornire esperienze marcatamente diverse a seconda dell'ambiente e del carattere dell'individuo, scrivendo nel 1845;

"Tutto ciò che colpisce i suoi occhi e le sue orecchie. Una parola, un gesto, uno sguardo, un suono o il minimo rumore, esigendo la sua attenzione, conferirà un carattere speciale alle sue illusioni"

Baudelaire era un fan del metodo che scaviamo ancora oggi: prendersi qualche giorno di vacanza per preparare completamente, godere e poi integrare il viaggio.

"Qualsiasi... pensiero di dovere che possa richiamare la tua volontà e attenzione in certi momenti taglierà come una campana a morto la tua ebbrezza, e avvelenerà tutto il tuo piacere"

"Avvelenare tutto il tuo piacere?! No grazie!

Tuttavia ha dichiarato che finché - 

"...ti trovi nell'ambiente giusto, come un paesaggio pittoresco o un appartamento decorato artisticamente, e se puoi spera anche in un po' di musica" - il tuo viaggio probabilmente andrebbe bene. 

Condivisione della conoscenza psichedelica

Dopo questo, anche se apprezzato come 'grande scrittura', la maggior parte delle conclusioni del club 'Hash-eaters' furono liquidate come eccesso bohemien arty. Tuttavia, nel 1960, in un incontro-speciale di due giganti psichedelici, lo scrittore Aldous Huxley visitò Leary e gli diede alcuni degli scritti del gruppo. Le loro osservazioni combaciavano perfettamente con la ricerca fiorente di Leary sulla psilocibina. 

Foto di Artur Kornakov su Unsplash

*Nota: Tutta questa ricca storia, naturalmente, non tiene conto di tutti gli usi antichi e indigeni del set e dell'ambientazione che vanno avanti da millenni. C'è una ragione per cui i rituali psichedelici spirituali hanno fattori ambientali, preparatori e "vibrazioni" simili in tutto. Nel corso del tempo il curanderas e gli sciamani di queste comunità hanno affinato le migliori basi possibili per esperienze trascendentali e di guarigione. Come al solito, si tratta di un caso in cui l'antica conoscenza è sempre stata lì, ma è stato solo quando è stata scritta in Occidente che il resto del mondo ha iniziato a prestare attenzione. 

Il più grande contributo di Leary

Ma torniamo agli altalenanti anni sessanta, dove Timothy Leary stava trasformando set e setting in uno slogan che si inseriva nel cervello. E, cosa fortunata, avere questa linea guida da ricordare, anche semplicemente. 'buon posto, buon umore', è accreditato con gli psiconauti degli anni '60 di avere esperienze majoritivamente positive. Questo mantra di riduzione del danno è ritenuto da molti il più grande contributo di Leary alla cultura psichedelica che ha contribuito a costruire.

Timothy Leary nel 1989

In una delle sue più entusiastiche immersioni nell'argomento, in un articolo intitolato Sulla programmazione dell'esperienza psichedelica", Leary ha teorizzato che il set e l'impostazione del viaggio potrebbero essere sintonizzati così finemente sui vostri bisogni che diventerebbe quasi come scegliere un programma televisivo. Questo verrebbe fatto, suggeriva Leary, attraverso tecniche come i mantra, l'incenso e persino le posizioni yoga. 

Quando il movimento psichedelico degli anni '60 ha cominciato a sgretolarsi, anche questa ricerca si è spenta. Tuttavia, rimane un'idea affascinante... 

Una nota sul set collettivo e sull'impostazione

"Le condizioni collettive che una società presenta sono i suoi valori, la sua struttura sociale e la sua cultura". - Ido Hartogsohn per MAPS

Aggiungendo un altro strato alla nostra idea tradizionale di scenografia e ambientazione, c'è la scenografia e l'ambientazione "collettiva". Come JungLa "coscienza collettiva" riflette le credenze condivise della società in cui ti trovi - la storia, le idee e il contesto. Negli anni '60 l'atteggiamento collettivo dei trippers verso questa nuova "magia" sarebbe stato di eccitazione, rivoluzione e ribellione. Una volta che gli psichedelici divennero illegali e rifiutati come immorali dalla società, anche questo avrebbe colorato le esperienze dei trippers. Per esempio, se sei nervoso (anche inconsciamente) di fare qualcosa di illegale / finire nei guai, questo potrebbe influenzare il vostro viaggio. Se vi è stato detto che gli psichedelici sono pericolosi e che vi faranno del male, questa paura potrebbe anche rialzare la testa durante la vostra esperienza. 

Foto di Brands&People su Unsplash

Oggi, con la nuova ondata di psichedelica advocacy e la crescente normalizzazione, sarà affascinante vedere come il nostro set collettivo e impostazione cambia di nuovo. Se la risposta del pubblico agli psichedelici diventa più calda, vedremo una riduzione dei viaggi "cattivi" causati dalla paura di finire nei "guai"? Guardate questo spazio! 

E infine, vi daremo quello che davvero voglio. I nostri consigli per preparare il miglior set e ambientazione per il tuo viaggio. Naturalmente, niente è 100% efficace, ma con questi consigli sei sulla buona strada per un viaggio shroom-tastic positivo! 

Come fare: impostare 

Anche se il tuo "set" è un po' più difficile da controllare, ci sono molte cose che puoi fare per renderlo il migliore possibile.

In primo luogoconosci te stesso. Che tipo di persona sei. Cosa hai sperimentato nella tua vita. Non ignorare il tuo istinto se ti dice che non è il momento giusto. Fidati di te stesso. Se il tuo istinto ti dice di sì, allora andiamo!

Foto di Priscilla Du Preez su Unsplash

Poi, idealmente, un viaggio psichedelico dovrebbe essere affrontato come un Processo di 3 giorni

Sul primo giorno dovresti rilassarti e prepararti mentalmente, pensare a cosa vuoi ottenere dal tuo viaggio. Perché lo stai facendo? 

Un viaggio psichedelico non dovrebbe mai essere usato come una fuga, ma solo come un'opportunità per imparare e crescere. Forse passate un po' di questo giorno a mettervi a terra con la natura e/o ad annotare quali sono le vostre intenzioni. 

Sul secondo giorno prendi il tuo psichedelico. Se sei mentalmente preparato è tanto più facile abbandonarti e immergerti completamente nella tua esperienza. 

Sul terzo giorno riposare e cominciare a integrare le vostre intuizioni. Forse vuoi parlarne con un amico o un terapeuta. È anche una buona idea scrivere della tua esperienza e di ciò che hai imparato, per aiutarti a digerirla. 

Se avete questo piano in atto prima del viaggio, è probabile che siate in una mentalità più calma - sentirsi preparati è la chiave. 

Come fare: Impostazione

Il titolo per l'impostazione è sempre 'un posto in cui ti senti a tuo agio". Naturalmente, dove quel posto varia da persona a persona, ma qui sta la magia - è sempre lo stesso, ma sempre diverso. 

Ecco alcuni punti principali da affrontare quando si decide l'ambientazione: 

FamiliaritàÈ importante per te conoscere bene il tuo spazio? Essere in un posto non familiare ti rende ansioso? Questo è il motivo per cui molte persone scelgono di viaggiare a casa loro, a casa di amici, o in un posto che frequentano regolarmente come un parco locale. 

Chi c'èVuoi viaggiare con altri o da solo? Stai usando un trip sitter? Stare con persone che non conosci ti darà fastidio? C'è qualcuno di importante per te che vuoi vicino? 

SicurezzaQuanto è sicuro questo spazio? Puoi ottenere un sostegno emotivo o medico se lo desideri?

Comodità essenzialiDi cosa avete bisogno vicino a voi? Cibo, acqua e un bagno sono essenziali. Ma vuoi anche musica, cuscini comodi, una coperta o delle belle luci? Se sei un viaggiatore relativamente nuovo, il comfort è davvero il re. 

Foto di Jack Cohen su Unsplash

Se si spera di sperimentare un viaggio molto penetrante, vale la pena considerare il "setting" solitamente utilizzato durante la terapia psichedelica. Privato, tranquillo e confortevole, con un divano o mobili comodi, forse alcune piante e lampade - senza confusione in modo che la tua mente possa vagare liberamente. 

Passare sul sentiero giusto

Infine, è bene ricordare quanto sia complessa la triade di set, setting e psichedelica. Anche se ci sono sempre forze che non possiamo controllare, rispettando e preparando il potere di tutti e tre i componenti ci stiamo mettendo sulla strada giusta. Circondatevi e trattatevi con compassione, e anche il fungo lo farà sicuramente. 

Foto di Mathew Schwartz su Unsplash

Come prepari il tuo set e l'ambientazione? Fatecelo sapere nei commenti qui sotto!