Che i funghi magici intensifichino l'esperienza di ascolto della musica non è un segreto. La maggior parte degli appassionati di funghi ha un disco o una playlist preferita con cui viaggiare. E ci sono molti dischi iconici che hanno la reputazione di essere una colonna sonora psichedelica, come ad esempio Pink Floyd Il lato oscuro della luna. 

Foto di blocchi su Unsplash

Per non riposare sugli allori, però, i funghi hanno fatto un ulteriore passo in avanti, rendendo la musica se stessi.

Bene, Non esattamente.

Naturalmente hanno bisogno di un piccolo aiuto da parte di noi umani con il pollice opponibile. Ma chi siamo noi per dire di no? I piccoli polli hanno già fatto tanto per noi. 

I musicisti che fanno musica con i funghi

Ok, siamo ancora un po' sciocchi. Ma è vero: un'ondata di musicisti ha recentemente iniziato a sfruttare il potenziale dei funghi come strumento di produzione musicale. Abbiamo già parlato di MycoLyco (alias Noah Kalos) che con la sua musica a base di funghi è esploso su TikTok e ha persino fatto da colonna sonora a una presentazione in passerella di Stella McCartney, con tanto di "pelle" di micelio. 

Foto di Marcus Loke su Unsplash

Ne siamo rimasti entusiasti. Ma è emerso che ci sono molti altri funghi-virtuosi che creano bleep, bloop e squelch rivoluzionari, alcuni dei quali sono in circolazione da più tempo di quanto si pensi. 

John Cage era un fungo Stan

Un notevole musicista amante dei funghi è stato il famoso compositore e artista John Cage. Famoso per la sua composizione silenziosa 4'33'' e altri pezzi d'avanguardia, è stato anche co-fondatore della società micologica di New York. Nel 1959 vinse persino un game show italiano con il suo argomento specialistico: non la musica, come ci si potrebbe aspettare, ma i funghi. Tra un round e l'altro ha intervallato le esecuzioni delle sue composizioni trippy, senza dubbio ingannando gli spettatori a casa. Tuttavia, nonostante il suo ossessione micologicaCage non è mai stato spinto a esplorare i loro suoni. In un saggio della sua pubblicazione Un compagno di campo per gli amanti della musica, Cage ha scherzato;

"Vorrei sottolineare che non mi interessano le relazioni tra suoni e funghi più di quanto mi interessino quelle tra suoni e altri suoni".

John Cage via Wikimedia Commons

Gary Lincoff, ex presidente della North American Mycological Society, ha parlato del suo amico;

"Cage credeva di poter sentire i funghi nel bosco, ma credo che [lo abbia detto] con la lingua in faccia".

Ritmi della Terra

Come vedete, i funghi hanno incuriosito alcune delle menti musicali più creative. Forse per la loro profonda connessione con i ritmi della terra.

Tuttavia, uno dei primi musicisti a fare del fungo uno strumento è stato un artista chiamato Mileece. Iniziando la sua esplorazione più di 20 anni fa, Mileece si è ispirato all'importanza di preservare la biodiversità e di arrestare il cambiamento climatico. Questo molto prima che il cambiamento climatico diventasse una minaccia ampiamente riconosciuta. Ha raccontato The Guardian; 

"Mi hanno dato ogni sorta di parolacce per il fatto di essere un'ambientalista. Non c'è differenza tra quello che dice Greta Thunberg e quello che ho detto io, ma tutti mi hanno odiato per questo".

Piante in vaso ed elettrodi fatti in casa

Mileece ha imparato l'ingegneria del suono e il coding quando era adolescente. Ha poi lavorato come artista residente alla London School of Economics, dove ha sviluppato una tecnica per trascrivere i segnali elettrici delle piante in elementi di base del sound design. I primi esperimenti comprendevano una pianta in vaso dotata di elettrodi per capelli autocostruiti e collegata a un modulo e a un sintetizzatore personalizzati, collegati a un computer Mac vecchia scuola. 

Foto di Mathew Schwartz su Unsplash

Da allora, Mileece ha dedicato la sua carriera allo sviluppo di software e hardware per la traduzione delle bioemissioni vegetali per creare ciò che lei chiama "sonificazione estetica". Nel 2019 ha creato un'installazione alla Tate Modern di Londra, che consisteva in un baccello pieno di piante e fiori che creavano musica quando reagivano alle persone che entravano e si muovevano nello spazio. La sua pratica è ancora profondamente preoccupata di evidenziare la minaccia al nostro ambiente attraverso il cambiamento climatico. 

Tradurre le vibrazioni

Tarun Nayar è un altro virtuoso dei funghi. Ha iniziato la sua esplorazione relativamente di recente, con il suo progetto Modern Biology iniziato solo la scorsa estate. Tuttavia, ha già raccolto oltre mezzo milione di follower su TikTok e 25 milioni di visualizzazioni con i suoi video rilassanti di funghi che creano suoni ambientali. Ex biologo, trascorre le sue estati nelle isole del Golfo della Columbia Britannica con la famiglia reale di funghi Sheldrake Brothers. (Forse conoscete Merlin Sheldrake come autore di Entangled Life: How Fungi Make Our Worlds, Change Our Minds and Shape Our Futures). Fu qui che, grazie alla loro influenza, iniziò a diventare un appassionato di funghi. Andava a caccia di funghi, ma non sempre per mangiarli. Anche per sentire loro.

Foto di Artur Kornakov su Unsplash

Il suo primo esperimento sulle piante ebbe luogo durante un'estate con gli amici. Notò una pianta di mirtillo che cresceva appena fuori dalla sua baita. Dopo aver collegato le foglie a un sintetizzatore software in grado di suonare il pianoforte, ha sentito la musica. L'energia bioelettrica delle piante, fluttuando, fa cambiare le note. Nayar descrive il processo come  "un meccanismo di feedback ambientale. Si basa sulla resistenza galvanica, lo stesso principio con cui funzionano le semplici macchine della verità".

Crescendo, Nayar ha ascoltato molta musica classica indiana, tra cui Ravi Shankar. Gran parte di questo genere di musica si basa sulla vibrazione, e quindi quando mette insieme i suoi suoni vegetali Nayar usa spesso la struttura dei raga tradizionali indiani per tradurre ciò che sente. 

La musica per collegarci al mondo naturale

Ciò che tutti questi artisti stanno facendo è nuovo e interessante, davvero stravagante. Ma c'è un'ambizione più profonda che non quella di dare fuoco a TikTok. Questi artisti credono che dare una voce o un elemento sonoro alle piante e ai funghi sia una parte essenziale della crescita di una connessione più profonda con il mondo naturale. Questo è fondamentale se vogliamo andare avanti e guarire il mondo dai danni che abbiamo causato. Riconoscere che siamo tutti parte dello stesso ecosistema e sostenerci a vicenda è fondamentale. Come spiega Nayar;

"Quando le persone stanno scrollando su TikTok e all'improvviso spunta un piccolo fungo, quello è un momento di riconnessione, anche se attraverso un telefono. Se la musica e la sintonizzazione più profonda possono portarci qui in questo momento, allora c'è speranza".