Rispolverate il vostro cappello da strega e recatevi al campo di zucche, perché Halloween è quasi arrivato! Sì, il periodo dell'anno in cui si abbracciano le forme spettrali, bizzarre e forse anche quelle pucciose. (se si beve troppo punch di Halloween... bleah!)

Foto di Eyestetix Studio su Unsplash

Deriva dall'antica festa celtica di SamhainDove il velo tra i vivi e i morti doveva essere sottilissimo, oggi è un caleidoscopio commerciale di pipistrelli di plastica, zucche sorridenti e scheletri danzanti. (Per non parlare del periodo in cui le aziende produttrici di dolciumi di tutto il mondo registrano un boom di profitti). 

Abbracciare la paura

Tuttavia, nonostante tutti gli accessori di plastica, per molte persone è la cosa più vicina a riconoscere l'inevitabile: la morte sta arrivando per tutti. Non per essere cupi, ma le culture che abbracciano la morte in modo più aperto (come il Messico Dia de los Muertos) tendono ad avere un atteggiamento meno timoroso nei suoi confronti, cosa di cui tutti potrebbero beneficiare. 

Non dire "brutto viaggio".

Lo stesso vale per i "cattivi viaggi". La frase nessuno vuole sentire nei circoli psichedelici. È una delle cose principali che spaventa le persone dallo sperimentare gli strumenti che possono aprire le loro menti. e fornire un'esperienza di guida straordinaria. Ma è comprensibile. Si tende a parlarne meno dei bei viaggi, a nasconderli sotto il tappeto, come se, nominandoli, dovessero apparire, evocati come un fantasma. 

Foto di Kayla Koss su Unsplash

Tuttavia, se si fa uso di psichedelici, il potenziale di un brutto viaggio è un dato di fatto. Anzi, logicamente, più se ne fa uso, più alte sono le probabilità di averne uno. Non sono frequenti, ma si sa che è possibile. È meno possibile se si è ragionevoli con la propria dosaggio, il vostro set e impostazione e prendere in considerazione il vostro livello di esperienza così come il vostro stato d'animo attuale. Tutte cose che un viaggiatore intelligente di solito fa!

I viaggi sbagliati possono essere Bene?

La cosa divertente è che, mentre si parla sempre di più di psichedelici come i funghi magici, cresce anche il dialogo sui "cattivi viaggi". E dalla condivisione delle informazioni emerge un quadro più complicato e ricco di sfumature. Sembra che un brutto viaggio... possa essere bene?

Che ne dite? Potreste gridare, come se aveste visto un fantasma. 

Beh, calmati, forse è Casper il fantasma amichevole. Hai mai considerato Questo?

Ad ogni modo, a parte le sciocchezze, ci sono un'infinità di aneddoti, storie e persino studi scientifici che riferiscono di molti benefici che si possono trarre da un viaggio non del tutto piacevole.

Può essere spaventoso

Per certi versi ha senso, no? Le sfide rafforzano il carattere e possono rivelare punti di forza che non si sapeva di avere. Tuttavia, sul momento può essere difficile vedere i potenziali aspetti positivi. Come dice un utente di Reddit (con un riferimento al mago di Halloween) :

"... preparatevi all'esperienza e affrontatela come se Harry Potter entrasse nel labirinto alla fine del quarto film. Le persone possono fare il tifo per voi, ma una volta che il labirinto si chiude, siete da soli, è estraneo, può essere spaventoso. Sperate nel meglio, preparatevi al peggio. Potreste aver bisogno di combattere alcuni demoni, potreste aver bisogno di spingervi oltre ciò che pensate di essere in grado di fare".

Come la metafora di HP usata da questo redditor, un brutto viaggio dovrebbe essere trattato come un viaggio, un'avventura con alcuni aspetti spaventosi. La cosa fondamentale è ricordare che è solo temporaneo.

Foto di Ben Mathis Seibel su Unsplash

Molti di coloro che assumono dosi elevate di psilocibina con l'intento di ego-death si armano di oggetti simili a talismani. Questi includono note a se stessi, quando sono sobri, al loro sé in trip, dicendo cose come 'stai inciampando' e Questo passerà".

Per le persone diverse funzionano cose diverse. C'è chi parla ad alta voce delle proprie paure, chi fa una passeggiata, chi si concentra sulla respirazione, chi si avvolge nelle coperte. La cosa che molti esperti dicono è che non si può combattere. Se ci si abbandona all'esperienza, la si supererà. Un altro saggio redditor Borsa sostanziale5457 azioni;

"Una volta che il viaggio prende una direzione, non si vuole cambiarla, ma cavalcarla e accettarla. Combatterlo peggiorerà le cose. Se vedete che vi state dirigendo verso una cascata, va bene, potrebbe esserci dello zucchero filato dall'altra parte".

La scienza dei viaggi sbagliati

Quando il brutto viaggio finisce e si smaltisce la sbornia (ricordate che si tratta solo di un paio d'ore al massimo) è, secondo gli scienziati, quando può effettivamente sbocciare in una cosa buona. 

In un carta chiamato "Rendere buoni i "cattivi viaggi": come gli utilizzatori di psichedelici trasformano narrativamente i viaggi impegnativi in esperienze di valore", pubblicato nel Rivista internazionale di politica delle droghe, i ricercatori hanno mostrato i risultati del loro brutto viaggio a casa.

Lo studio si è concentrato su 50 norvegesi consumatori di psichedelici e si è svolto sotto forma di una serie di interviste approfondite. I ricercatori hanno scoperto che quasi tutti i volontari avevano avuto esperienze "spaventose" durante l'assunzione di psichedelici, che avrebbero descritto come un "bad trip". Nella maggior parte dei casi ciò era dovuto a dosi troppo elevate di psichedelici, dalla psilocibina all'LSD o alla DMT. Tuttavia, la maggior parte dei partecipanti ha sostenuto che queste esperienze sono state in realtà benefiche e hanno dato loro intuizioni che hanno cambiato la vita. Alcuni rifiutano del tutto il concetto di "bad trip". 

Le storie che raccontiamo

I ricercatori hanno analizzato i loro risultati in base al concetto di "teoria narrativa", ovvero le storie che raccontiamo a noi stessi e su di noi. Molti volontari hanno dato un senso a un'esperienza negativa integrandola in una storia di crescita e di superamento delle avversità. Per esempio, una volontaria di 30 anni, Hannah, ha detto; 

 "No, non lo vedo come un brutto viaggio, perché è come se (...) i brutti viaggi fossero quelli che ti danno più intuizioni. È questo [brutto] viaggio che ti mostra alcuni lati di te stesso che forse hai cercato di sminuire, che probabilmente sono i più importanti da capire. [Si tratta di intuizioni su chi sei veramente, su chi sei stato, su cosa hai fatto, giusto. Devi vedere i tuoi difetti per essere in grado di risolvere le cose". 

Foto di Aaron Burden su Unsplash

Un luogo simbolico di piacere, rischio e pericolo

I ricercatori hanno scoperto che queste esperienze auto-riportate riflettevano strutture di narrazione secolari.

"Lasciare la sicurezza di casa per intraprendere un viaggio nel bosco è il punto di partenza di innumerevoli favole; la foresta oscura è un luogo simbolico di piacere, rischio, pericolo e regole sociali sovvertite". (Turner & Measham 2019)

- è la citazione che i ricercatori hanno scelto per rappresentare questo tipo di racconto. E ha senso per il modo in cui pensiamo ai viaggi stessi. Innanzitutto, si chiamano "viaggi". Sono un viaggio epico, che a volte cambia la vita, che possiamo fare anche stando seduti. Come una favola, possono trasportarci e insegnarci qualcosa. Ma meglio, perché non sono incentrati su principesse indifese che vengono salvate da principi presuntuosi. 

Foto di christian buehner su Unsplash

Affrontare i propri demoni

Per fare un paragone più stagionale, in Nightmare Before Christmas (che è sia un film di Halloween che di Natale, quindi non arrabbiatevi). Jack Skellington ha deciso che lui, precedentemente padrone di Halloween, vuole diventare padrone del Natale. La cosa va terribilmente, trivialmente male. Ma una volta superato il suo incubo festivo, Jack torna rivitalizzato, pieno di nuove idee, di energia e di voglia di vivere. Sarà più spaventoso di quanto chiunque abbia mai pensato possibile. Avete capito bene. Ha attraversato un periodo difficile e ne è uscito più forte. (e con una ragazza di pezza). 

via Wikipedia Commons

Se non siete uno scheletro di claymation, alcune delle cose che potreste incontrare e con cui potreste fare i conti dopo un brutto viaggio potrebbero essere;

  • Abitudini negative e dipendenza;
  • Le vostre paure e ansie più profonde;
  • Traumi passati;
  • Errori commessi in passato;
  • Sentimenti di bassa autostima e immagine negativa di sé;
  • I grandi temi come il senso della vita, la morte o la libertà.

Affrontare questi problemi quando si presentano non è facile. Tuttavia, sono spesso cruciali e, affrontandoli, le persone spesso scoprono nuove prospettive e modi di essere. Il viaggio diventa un punto di svolta significativo e si può iniziare ad andare avanti. 

O, come al solito, un utente di Reddit, mrmustard12, ha riassunto la situazione quando ha detto;

"Ho capito che non mi piaceva quello che stavo facendo nella mia vita e ho preso una direzione diversa".

È semplice: un campanello d'allarme dell'universo.

Viaggi sbagliati: Un dolcetto e una scherzetto

Questo Halloween potreste decidere di prendere dei tartufi magici o dei funghi e diventare scintillanti, spirituali e spettrali. Probabilmente sarà fantastico! Soprattutto se state organizzando un psichedelico di Halloween. 

Tuttavia, nella piccola eventualità che le cose si facciano difficili, ricordate che un brutto viaggio è come una storia di fantasmi: sembra spaventoso, ma in realtà spesso ci sta solo raccontando qualcosa di noi stessi. È un trucco e una delizia.

Foto di Lucia Foster su Unsplash

Quindi, parlate con i vostri amici, state attenti e ricordate sempre che passerà. 

Buon Halloween!