Quando riflettiamo sulle nostre icone psichedeliche preferite e sui nostri pionieri, una cosa che hanno tutti in comune è che tendono a essere in circolazione non prima del XX secolo. Da Aldous Huxley a Jimi Hendrix, a Ann ShulginSono tutti figli di un diciannovenne e qualcosa.

Il lignaggio della cultura psichedelica

Questo ha senso fino a un certo punto; l'LSD non era sintetizzato fino al 1948 e i funghi magici sono stati diffusi nel mondo occidentale solo negli anni '90. 1950s. Ma la cultura psichedelica che oggi diamo per scontata non si è formata dal nulla. Ha avuto numerose ispirazioni nel suo lignaggio, basate su diverse culture, tradizioni e forme d'arte di tutto il mondo.

Celebrazione di William Blake

Una di queste ispirazioni che incombe pesantemente sulla cultura psichedelica, ispirando l'estetica del romanticismo negli anni '60 e '70 'L'estate dell'amore' è l'artista e poeta britannico William Blake. Nonostante non sia stato riconosciuto durante la sua vita, anzi, sia stato liquidato come un "pazzo", la sua influenza non può essere sopravvalutata, e non solo nella cultura psichedelica.

Satana che colpisce Giobbe con i suoi bollori via Creative Commons

Poiché oggi sarebbe il suo 265° compleanno, abbiamo deciso di immergerci nella sua considerevole eredità. Ci concentreremo però soprattutto sulla sua influenza psichedelica, dato che Blake è stato un molto ape indaffarata. Non solo ha coniato il termine Le porte della percezione (!) Fu anche scrittore, poeta, pittore, stampatore, mistico e radicale, con posizioni fortemente progressiste per l "epoca vittoriana in cui visse. Quindi, per oggi restringiamo il campo...

Visitato dagli angeli?

Angelo della Presenza Divina
Portare Eva ad Adamo
(via Wikipedia Commons)

William Blake nasce nel 1757 a Soho, Londra, terzo di sette figli. Lasciò la scuola all'età di 10 anni e si iscrisse alla scuola di disegno, avendo dimostrato una precoce attitudine. Blake affermò di aver avuto visioni fin dall'infanzia. La prima pare sia stata all'età di quattro anni, quando "...vide Dio mettere la testa alla finestra". A otto o dieci anni ha visto "Un albero pieno di angeli, con ali angeliche luminose che avvolgevano ogni ramo come stelle". a Peckham Rye, a sud di Londra.

Nonostante il generale rifiuto della religione tradizionale, Blake continuò ad avere queste visioni per tutta la vita, ispirando la sua arte e i suoi scritti. Sostenne persino che gli arcangeli lo istruivano personalmente per creare le sue opere. 

Nel 1782 Blake sposò Catherine Boucher. La donna diventerà la sua principale sostenitrice e sostenitrice per tutta la vita. Blake le insegnò a leggere e a scrivere, nonché le tecniche di stampa, e lei divenne preziosa sia come assistente creativa di Blake, sia come suo sostegno emotivo durante i numerosi alti e bassi. 

Ha ricevuto il riconoscimento solo dopo la morte

Blake morì a Londra nel 1827 dopo una vita ricca, nonostante non avesse ricevuto il riconoscimento che desiderava durante la sua carriera. È stata un'intera generazione dopo la sua morte che il suo talento visionario ha cominciato a essere più ampiamente riconosciuto. Le sue opere più famose oggi sono i suoi libri miniati Canzoni dell'innocenza e dell'esperienza (ed. 1794), Il matrimonio tra paradiso e inferno (1793), Visioni delle Figlie di Albione (ed. 1793), Il libro di Thel (scritti nel 1788-1790, editi nel 1789-1793) e Gerusalemme: L'emanazione del gigante Albione (lavorato tra il 1804 e il 1827). 

È dalle pagine di Il matrimonio tra paradiso e inferno che Aldous Huxley avrebbe preso il nome del suo ormai iconico testo psichedelico del 1954 Le porte della percezione. 

"Se le porte della percezione fossero pulite, ogni cosa apparirebbe all'uomo così com'è, infinita. Perché l'uomo si è chiuso in se stesso, fino a vedere tutte le cose attraverso le strette fessure della sua caverna".

 - William Blake, Il matrimonio tra paradiso e inferno

via Flickr

Gruppo rock psichedelico I Doors, un suono fondamentale degli anni Sessanta, hanno preso il loro nome in omaggio sia a Blake che a Huxley. 

Blake diventa un'icona della controcultura

Negli anni Sessanta l'influenza di Blake si insinuò in molti aspetti della controcultura hippie. Da Allen Ginsberg leggendo le sue poesie durante le proteste contro la guerra in Vietnam, al suo stile visivo idiosincratico che ha ispirato gli iconici vortici psichedelici dei manifesti dei concerti, al Timothy Leary scimmiotta la sua estetica per la sua "lettera di fuga dal carcere" del 1970', la visione di Blake era tutt'intorno.

Per citare solo pochi delle persone che ha ispirato, potremmo aggiungere Sigmund Freud, Carl Jung, i Rolling Stones, i Beatles, Patti Smith, Bob Dylan, Joni Mitchell, Bruce Springsteen, Phillip Pullman e Kae Tempest. Wow! Non male per un uomo che è stato descritto come "pazzo" per la maggior parte della sua vita. 

Dante in fuga dalle 3 bestie (via Immagine di pubblico dominio)

Alcune opere iconiche per menti psichedeliche

Ecco solo alcune delle opere più apprezzate di William Blake. Sebbene Blake non abbia mai assunto sostanze che alterano la mente, le sue creazioni si adattano perfettamente all'etica psichedelica. Perché non leggere alcune delle sue poesie prima di un viaggio con i funghi o guardare la sua arte durante? Il vostro sguardo sarà ricambiato dall'opera di un uomo che sicuramente era strafatto di se stesso. naturale rifornimento. La mente psichedelica di un uomo sobrio... 🤯

Un estratto di una poesia che descrive perfettamente l'esperienza psichedelica:

"Vedere un mondo in un granello di sabbia

E un paradiso in un fiore selvatico,

Tenere l'Infinito nel palmo della mano

E l'eternità in un'ora".

William Blake, Auguri di innocenza

Vi siete mai sentiti così potenti mentre eravate in trip da misurare il vuoto?

L'Antico dei Giorni (1794) – via PublicDomainImages

Un uomo è così come lo vede (cioè la vostra percezione del mondo). Crea il mondo)

"Sento che un uomo può essere felice in questo mondo, e so che questo mondo è un mondo di immaginazione e di visione. Io vedo ogni cosa che dipingo in questo mondo, ma tutti non vedono allo stesso modo... L'albero che muove alcuni a lacrime di gioia è agli occhi di altri solo una cosa verde che ostacola il cammino... Come un uomo è così vede".

Una lettera di Blake al Dr. Trusler (23 agosto 1799)

Tyger, Tyger Burning Bright

L'esplorazione di Blake del lato oscuro della creazione è una delle poesie più antologizzate di tutti i tempi. Usatela come strumento per esplorare i vostri demoni interiori. 

Siate sempre aperti al cambiamento o sarete ricoperti di lucertole (Forse)

"L'uomo che non cambia mai opinione è come l'acqua stagnante e genera rettili della mente".

Il matrimonio tra paradiso e inferno

Se Woodstock avesse avuto luogo nel 1786

Oberon, Titania e Puck danzano (1786)

Sembra piuttosto forte, eh?

Buon 265° compleanno Mr. Blake!