La storia è piena di donne dimenticate. La tragedia di queste donne di cui non sapremo mai il nome è sempre messa in risalto quando scopriamo qualcuno che non ha ancora è stato dimenticato. A nuovo vecchia storia da raccontare. Questo ci incoraggia, ma ci ricorda anche quanti altri ce ne sono che non conosciamo e non conosceremo mai. 

Foto di Erick Zajac su Unsplash

La storia psichedelica non è diversa. Ma oggi, nella Giornata Internazionale della Donna, vogliamo ricordare le storie che hanno è riuscito a trovare. Per onorare tutto il passato dimenticato e il futuro ricordato. In questo nuovo rivoluzione psichedelica Le donne sono in prima linea, ricercando, sostenendo, sperimentando. Oggi vogliamo tornare a una delle donne che ha aiutato a iniziare tutto questo - Valentina 'Tina' Wasson. 

Chi era Valentina Wasson? 

Se sapete qualcosa della storia moderna dei funghi magici, allora il nome "Wasson" vi farà suonare qualche campanello. R. Gordon Wasson è l'uomo a cui si attribuisce il merito di aver portato i funghi magici all'attenzione del mondo occidentale dopo aver pubblicato sulla rivista LIFE nel 1957 un saggio fotografico sulle sue esperienze con essi, intitolato Alla ricerca del fungo magico. Tina Wasson era sua moglie, spesso menzionata di sfuggita come assistente o compagna delle imprese psichedeliche del marito. 

Tuttavia, se si conosce solo questo, si conosce solo metà la storia. 

A quanto pare, se non fosse stato per Tina, l'intera rivoluzione psichedelica che stiamo vivendo non sarebbe mai avvenuta. Non scherziamo! Per cominciare, forse vi sorprenderà sapere che quando Valentina incontrò per la prima volta il signor Wasson non aveva nemmeno come funghi...

La prima vita e l'amore per i funghi

Valentina 'Tina' Pavlovna Guerken è nata a Mosca nel 1901, emigrando poi con la sua famiglia in America durante la rivoluzione russa.. Incontrò R. Gordon mentre studiava medicina a Londra nel 1921, sposandolo nel 1926 e conseguendo la laurea nel 1927. Dopo questo, fecero una tardiva luna di miele sulle Catskill Mountains a New York.

Tina e Gordon in Messico

Fu durante questa luna di miele che le attitudini divergenti di Tina e suo marito verso il mondo naturale divennero chiare. In un aneddoto che R. Gordon avrebbe raccontato con gioia per anni, la coppia si imbatté in un vasto raccolto di funghi in montagna, al quale Tina rispose con estrema eccitazione, "raccogliendoli a destra e a manca nella sua gonna". R. Gordon fu respinto e si rifiutò di mangiare qualsiasi dei pasti che Tina cucinava con loro, temendo che fossero posioni e che lui "dovrebbe svegliarsi il giorno dopo come vedovo".

Per fortuna, non era il caso. Tina sapeva cosa stava succedendo. Era una micologa entusiasta, avendo imparato a funghi da foraggio durante la sua infanzia in Russia. R. Gordon si rilassò, e cominciarono ad esplorare le loro differenze culturali quando si trattava di funghi. Teorizzarono che la "micofila (amore per i funghi) dei popoli slavi, contro la 'micofobia'. (paura dei funghi) degli anglosassoni era tutto dovuto a diverse tradizioni folcloristiche. 

Foto di Phoenix Han su Unsplash

I Wasson iniziano il lavoro della loro vita

Questo iniziò quello che sarebbe stato il lavoro della loro vita, la ricerca degli usi spirituali, culturali e storici dei funghi. Mentre Tina lavorava intensamente come pediatra, lei e R. Gordon stavano anche contattando storici, antropologi, linguisti e missionari di tutto il mondo, per vedere se potevano aiutarli a trovare culture in cui i funghi erano sacri. 

Nel 1957 i Wasson avrebbero pubblicato il libro in due volumi Funghi, Russia e storia. Il primo volume illustrava la cultura folcloristica, storica e locale dei funghi nell'Europa dell'Est e in Russia. Il secondo descriveva i viaggi di ricerca dei Wasson in Messico, alla ricerca degli antichi usi spirituali dei funghi. Anche se R. Gordon è solitamente accreditato con la creazione del libro, in realtà è stata Tina la scrittrice principale, mostrando la sua vera passione per tutto ciò che riguarda i funghi. 

via Wikimedia Commons

L'esperienza dei funghi magici messicani di Tina

Insolitamente, Tina non era effettivamente presente per l'ormai iconico viaggio di R. Gordon sui funghi con la curandera Maria Sabina in Messico, descritto nella rivista LIFE. Lei arrivò il giorno dopo con la loro figlia Masha. Tuttavia, Tina ha condiviso la sua esperienza con i funghi psilocibini in un articolo intitolato Ho mangiato il fungo sacro pubblicato pochi giorni dopo quello di suo marito. Era presente in un popolare supplemento della rivista americana chiamato Questa settimana.

In un vivido estratto descrive il suo viaggio con i funghi sacri:

"...La mia mente fluttuava beatamente. Era come se la mia stessa anima fosse stata estratta e spostata in un punto dello spazio celeste, lasciando il mio guscio fisico vuoto nella capanna di fango. Eppure ero perfettamente cosciente. Ora sapevo cosa intendevano gli sciamani quando dicevano 'il fungo ti porta lì, nel luogo dove si trova Dio'". 

via Creative Commons

Tina ha anche dettagliato visioni di essere nella Versailles del 18° secolo, la sua infanzia in Russia e altri luoghi lontani. Forse più visionaria del suo effettivo visioni allucinogene, tuttavia, era la convinzione di Tina che questo fungo magico potesse '...diventa uno strumento vitale nello studio dei processi psichici". Se l'"agente attivo" potesse essere identificato, gli usi per esso, teorizzati da Tina, potrebbero includere '...nel trattamento degli alcolisti e dei tossicodipendenti, nel trattamento delle malattie terminali accompagnate da dolore acuto e nelle malattie mentali'.

Le visioni di Tina sul futuro

Nemmeno un anno dopo Albert Hofman, il padre di LSD avrebbe isolato la psilocibina e la psilocina usando campioni di funghi magici che i Wasson avevano portato. Tuttavia, Tina non sarebbe vissuta per vedere la prima ondata psichedelica che la sua ricerca e quella del marito avevano scatenato. Morì di cancro il 31 dicembre 1958, lasciando un R. Gordon con il cuore spezzato, che continuò la loro ricerca in sua memoria. 

Foto di Nick Fewings su Unsplash

Come è evidente, molte delle sue lungimiranti previsioni si sono avverate. La psilocibina si è rivelata efficace in trattare la dipendenza, problemi di salute mentale e come un modo per facilitare il processo di morte. La famosa morte per LSD di Aldous Huxley fu in realtà dovuta al suggerimento di Tina di questo potenziale uso, alcuni anni prima. Oggi, in Canada, i malati terminali vengono accesso concesso alla psilocibina come cura essenziale. 

Celebrazione delle donne in psichedelia

Tina e R. Gordon Wasson erano figure chiave, una chiave squadra, nel fare le scoperte che oggi cominciano a beneficiarci sempre di più. Sfortunatamente per Tina, l'epoca in cui visse tendeva a non apprezzare i suoi contributi. Oggi possiamo ricordarla come l'apripista che era - così come celebrare il donne che lavorano nella psichedelia oggi - che non essere trascurato. 

Felice Giornata Internazionale della Donna!