Lo yoga è una delle poche cose su cui il mondo è d'accordo. Come la verdura, il dormire a sufficienza e il guardare video di cani buffi, è semplicemente bene per voi. Si tratta di una pratica che porta benefici alla nostra salute fisica, mentale e spirituale, e ci sono poche cose che possono spuntarla... tutti quelle scatole. Tuttavia, ci credereste che il mondo occidentale ne conosce i benefici solo da poco più di cento anni? Ed è mainstream da molto meno.

Foto di kike vega su Unsplash

Lo yoga conquista il mondo

Lo yoga è stato introdotto in Occidente alla fine del XIX secolo. Tuttavia, si è radicato nella coscienza pubblica fino agli anni '70, quando improvvisamente si è pensato di prendersi cura della propria salute fisica e spirituale. Questo è anche il periodo in cui il jogging si è normalizzato (prima la gente avrebbe pensato che stavate correndo per prendere un autobus). 

Oggi lo yoga è solo ovunque. Lo fa la nonna, lo fanno i bambini piccoli, lo fanno le persone in stanze riscaldate a più di 40°.°C (per scelta!) Ma "yoga" è in realtà un termine generico per una pratica varia e antica. Sebbene le sue origini esatte rimangano oscure, le ricerche suggeriscono che sia nato in India oltre 5.000 anni fa. La parola "yoga" ha la sua radice nella parola sanscrita che significa "unità" o "unione". E, come ogni cosa che esiste da così dannatamente lungo ha molti stili e tradizioni diverse, essendo stato praticato da indù, buddisti, sufi e molte altre religioni. Alcuni rami dello yoga, come l'Ashtanga, si concentrano su un preciso controllo fisico, mentre altri, come il Bhakti, si concentrano sulla devozione. Indipendentemente dal tipo, lo scopo dello yoga è sempre stato quello di favorire una connessione più profonda tra corpo e anima. Il Bhagavad Gita stati;

"Lo yoga è il viaggio del sé, attraverso il sé, verso il sé".

Statua di Swami Vivekananda, il primo Yogi in Occidente (via Wikimedia Commons)

Combinare lo yoga con il microdosaggio

Tuttavia, nonostante abbia più di 5.000 anni, lo yoga è ancora pronto per essere remixato. E, opportunamente, il vecchio Zeitgeist del benessere viene combinato con il nuovo: il microdosaggio. Il microdosaggio, come forse saprete, è la pratica di assumere una dose sub-percettiva di uno psichedelico - di solito psilocibina dai funghi magici o dai tartufi. È noto che migliora l'umore, creatività, foe può aiutare anche chi soffre di depressione, ansia e ADHD

In altre parole, i suoi effetti sono piuttosto simili a quelli spirituali e psicologici dello yoga. La combinazione delle due cose potrebbe potenziare gli effetti positivi dell'una e dell'altra?

I benefici del microdosaggio di psilocibina

La ricerca ha già dimostrato che il microdosaggio può migliorare le prestazioni in attività atletiche. Secondo quanto riferito, aumenta la concentrazione sul compito da svolgere, nonché la resistenza e l'endurance. Lo yoga è un candidato ideale per essere potenziato dagli effetti del microdosaggio. È un esercizio in cui la concentrazione, la dedizione e l'entrare nel "flusso" sono essenziali. 

Cose importanti da considerare

Ma prima di buttarsi a capofitto, ci sono alcune cose da considerare prima di combinare il microdosaggio con la propria routine di yoga. O lo yoga con la vostra routine di microdosaggio. In primo luogo, è meglio avere esperienza con entrambe le pratiche prima di praticarle separatamente. Non è detto che vogliate buttarvi nello yoga alla vostra prima esperienza di microdosaggio, o di provare per la prima volta il cane verso il basso durante il microdosaggio. Quando si conosce la quantità di microdosaggio preferita (di solito tra 0,5-1 g di tartufi magici freschi) e le vostre capacità fisiche (e limiti) quando si parla di yoga. 

Una volta che vi sentite sicuri, potete iniziare il vostro viaggio. (Nota: ricordate che ci vorrà poco tempo prima che la microdose inizi a fare effetto. Lasciate almeno 30 minuti o 2 ore prima di iniziare a fare yoga, in modo che il dosaggio si sincronizzi con la vostra routine).

3 modi in cui il microdosaggio può migliorare la pratica dello yoga

Miglioramento della concentrazione

È dimostrato che il microdosaggio migliora la concentrazione, la chiarezza di pensiero e la consapevolezza di sé. Si ritiene che aiuti le persone a entrare nella 'stato di flusso', in cui ci si può immergere in un'attività per diverse ore. 

Questo è un dono quando si pratica lo yoga: si può diventare un tutt'uno con il movimento del corpo, il respiro, la sensazione dei muscoli. È meno probabile che siate influenzati da distrazioni audio o visive. Questo è in effetti in sintonia con il quinto elemento dell'Ashtanga Yoga di Patanjali, Pratyahara. Si tratta dell'atto del "raccogliersi verso", o del "ritiro dei sensi": si tratta di rivolgersi verso l'interno senza distrazioni. 

Foto di Dylan Gillis su Unsplash

Il raggiungimento di questo stato è favorito anche dalla capacità di tranquillizzare l'ego della psilocibina. Gli psichedelici riducono i dubbi che a volte si impadroniscono della nostra mente e ci impediscono di immergerci completamente nelle attività e, più in generale, nella nostra vita. Una pratica yoga meditativa e lenta, come l'hatha o lo yin yoga, è perfetta per approfittare del distacco dall'ego. È possibile immergersi completamente nel momento e diventare veramente consapevoli del proprio corpo.

Aumento dell'energia

Coloro che assumono microdosi prima di una sessione di esercizio fisico ritengono che ciò aumenti il loro livello di energia e quindi la loro resistenza. Questa energia è fondamentale per completare le sessioni di yoga più lunghe, soprattutto quelle più avanzate come il flusso Vinyasa o Ashtanga. Si ritiene inoltre che il microdosaggio rafforzi varie funzioni cognitive di supporto, come l'equilibrio, i riflessi e la coordinazione. È l'ideale per quegli esercizi di yoga difficili basati sull'equilibrio, come la posizione dell'albero o tutto ciò che si basa sulla posizione della mano. 

Foto di rishikesh yogpeeth su Unsplash

Tuttavia, è importante ricordare che anche se si do avere uno slancio di energia: lo yoga è una questione di consapevolezza. Non è il caso di esagerare e finire doloranti! Ascoltate il vostro corpo e vi dirà fino a che punto spingersi. 

Creatività potenziata

Cosa c'entra la creatività con l'esercizio fisico, si potrebbe dire? Beh, una delle cose più belle dello yoga è che si può adattare alle proprie esigenze e creare uno stile individuale. Vengono inventati continuamente nuovi stili di yoga: il Jivamukti è stato sviluppato solo nel 1984. Non male per una pratica che dura da 5.000 anni! Una volta che si conoscono le diverse posizioni e tecniche, si può mettere insieme la propria routine utilizzando la creatività aggiunta dalla propria microdose. Grazie a questa mentalità fuori dagli schemi, alla maggiore consapevolezza del proprio corpo e all'aumento dell'energia, il vostro viaggio nello yoga sarà sicuramente ricco di soddisfazioni. 

Foto di LOGAN WEAVER | @LGNWVR su Unsplash

Ascoltate il vostro corpo

Ecco, appunto! Proverete la combinazione yoga-microdosing? Forse, in un futuro in cui il microdosaggio sarà integrato nella società come lo è oggi lo yoga, rideremo di questa domanda. Microdosaggio e yoga? C'è un altro modo per farlo?! 

Quindi, perché non anticipare i tempi e provare anche voi? Ricordate di ascoltare sempre il vostro corpo e di lasciarvi guidare da lui. 

Foto di Yogi indiano (Yogi Madhav) su Unsplash

Namaste!